Non c’è stagione degli amori per gli squali pigiama e sono in grado di accoppiarsi ogni volta che c’è una sufficiente abbondanza di cibo. Le femmine depongono due uova alla volta e le attaccano alle alghe o alle stelle fragili in luoghi che ritengono ben nascosti, dove rimangono fino a quando non si schiudono circa cinque mesi dopo.

Attualmente, i catsharks pyjama sono elencati come specie a rischio minimo dalla IUCN, che ha fatto notare che la loro piccola distribuzione e l’aumento della pressione che viene posta su di esso è qualcosa da tenere d’occhio. Sfortunatamente, molti pescatori vedono i piccoli squali, come gli squali pigiama, come parassiti che rubano esche, sprecano il loro sforzo quando catturati come catture accessorie e come competizione per più cibo desiderabile o pesce sportivo – e molti di questi pescatori uccidono questi squali indiscriminatamente, piuttosto che rilasciarli. La realtà è che gli squali sono fondamentali per il mantenimento di ecosistemi sani, quindi questo è doppiamente spiacevole, poiché queste azioni sbagliate danneggeranno effettivamente gli stock ittici da cui questi pescatori dipendono a lungo termine.

Per questo motivo, il WWF SASSI elenca lo squalo pigiama come specie della Lista Rossa. Anche se non è comunemente venduto, la sua aggiunta alla Lista Rossa è un ulteriore deterrente per coloro che possono scegliere di uccidere, piuttosto che rilasciare questi squali.

Se amate gli squali pigiama assicuratevi di visitare coloro che vivono nella mostra Kelp Forest e la mostra Cold Reef della Galleria Skretting Diversity del Two Oceans Aquarium, o prendere le immersioni come hobby e visitarli nelle bellissime foreste sottomarine di False Bay e vederli di persona!

Credito: Helen Lockhart / Two Oceans Aquarium