(CNN) Quando il prossimo astronauta a raggiungere la luna cammina sulla superficie lunare nel 2024, lei si faccia i livelli di radiazione 200 volte superiore a quello della Terra.

Mentre gli astronauti della missione Apollo trasportavano dosimetri sulla luna per misurare le radiazioni, i dati non furono mai riportati.

Le prime misurazioni sistematicamente documentate delle radiazioni sulla luna sono state intraprese a gennaio 2019 quando la missione spaziale robotica cinese Chang’e 4 è atterrata sul lato opposto della Luna, secondo un nuovo studio sulla rivista Science Advances.

Vedi di più

Gli astronauti in missione sulla Luna sperimenterebbero una dose media giornaliera di radiazioni equivalente a 1.369 microsievert al giorno-circa 2,6 volte superiore alla dose giornaliera dell’equipaggio della Stazione Spaziale Internazionale, secondo lo studio.

La radiazione è energia emessa in onde elettromagnetiche o particelle. Ciò include la luce visibile e il calore (radiazione infrarossa) che possiamo sentire e altri che non possiamo, come i raggi X e le onde radio. Tuttavia, gli astronauti affrontano una serie di sorgenti di radiazioni potenzialmente dannose nello spazio da cui l’atmosfera terrestre ci protegge in gran parte.

Questi includono raggi cosmici galattici, eventi sporadici di particelle solari (quando le particelle emesse dal sole diventano accelerate) e neutroni e raggi gamma dalle interazioni tra la radiazione spaziale e il suolo lunare.

“I livelli di radiazione abbiamo misurato sulla Luna sono circa 200 volte maggiore rispetto alla superficie della Terra e da 5 a 10 volte superiore a quello su un volo da New York a Francoforte,” ha detto Robert Wimmer-Schweingruber, un professore di fisica presso l’Università di Kiel in Germania e l’autore corrispondente dello studio che ha pubblicato il venerdì, in una dichiarazione.

“Poiché gli astronauti sarebbero esposti a questi livelli di radiazioni più a lungo dei passeggeri o dei piloti sui voli transatlantici, questa è un’esposizione considerevole.”

Un rischio di viaggi nello spazio

L’esposizione alle radiazioni è uno dei principali rischi per la salute degli astronauti come l’esposizione cronica ai raggi cosmici galattici (GCRs) può indurre cataratta, cancro o malattie degenerative del sistema nervoso centrale o altri sistemi di organi, lo studio ha detto.

“Inoltre, l’esposizione a grandi eventi di particelle solari in una situazione con una schermatura insufficiente può causare gravi effetti acuti”, ha aggiunto lo studio.

Gli scienziati della NASA descrivono le radiazioni come uno dei cinque rischi del volo spaziale umano e il “più minaccioso.”

Nella missione Artemis moon, quando la prima donna camminerà sulla luna nel 2024, gli astronauti dovrebbero rimanere sulla superficie lunare per una settimana e condurre un minimo di due moonwalks.

Mentre gli astronauti sono rimasti sulla Stazione Spaziale Internazionale per un anno, la ISS si trova proprio all’interno del campo magnetico protettivo della Terra. Ciò significa che mentre gli astronauti sono esposti a livelli di radiazioni 10 volte superiori a quelli sulla Terra, è una dose inferiore a quella che lo spazio profondo ha in serbo.

Una missione su Marte richiederebbe probabilmente due o tre anni e una dose molto più alta di radiazioni.

Vedi di più

Deep space vehicles, NASA ha detto, sarà sport schermatura protettiva, dosimetria e avvisi. La ricerca è stata condotta anche in prodotti farmaceutici che potrebbero aiutare a difendersi dalle radiazioni, ha aggiunto.