Può sembrare contraddittorio affermare che alcune delle più grandi aziende del mondo non sono quelle che perseguono il profitto. È sempre più evidente che le aziende ai vertici delle rispettive industrie stanno evolvendo i loro modelli di business. Stanno abbandonando i tradizionali modelli di profitto a tutti i costi per un piano di gioco apparentemente più morbido. Ma scrivere tattiche mirate come soft è miope.

Nel rapporto, The Business Case for Purpose, un team di Harvard Business Review Analytics and professional services firm EY’s Beacon Institute dichiara “un nuovo vantaggio: quelle aziende in grado di sfruttare il potere dello scopo per guidare le prestazioni e la redditività godono di un netto vantaggio competitivo”.

Il concetto può apparire inverosimile ed è vero che da solo, lo scopo non è altro che un’aspirazione. Sono i suoi aiutanti-misure e metodi-che rendono tangibile lo scopo e aiutano i manager a calcolare ROI e colpire KPI. Ma questo pendolo di gestione oscilla in due modi: mentre il 90 per cento degli intervistati nello studio ha detto che la loro azienda ha capito l’importanza di scopo, meno della metà pensato che correva in modo purpose-driven.

Nell’odierna economia basata sulla tecnologia e in rapida evoluzione, le aziende di successo non sono più costruite da zero. Essere orientati allo scopo non è più esclusivo dei gruppi senza scopo di lucro; aziende come Amazon, Facebook e Airbnb bilanciano il profitto con lo scopo di raggiungere il successo finanziario.

In questa serie di contenuti, scopriremo come le aziende orientate allo scopo fanno affari e come i leader aziendali di Singapore possono guidare le loro organizzazioni ad essere più mirate allo scopo.

Industry: Travel accommodation
Annual revenue in 2016: $1.7 billion
Number of employees: 5,000

Ogni anno, confronto salariale e ricerca di lavoro sito Glassdoor valuta le aziende più votate i loro dipendenti hanno espresso soddisfazione lavorando per e rilascia una top 50 list. Per determinare i posti migliori in cui lavorare, Glassdoor dà un’occhiata alle recensioni aziendali fornite dai dipendenti, in cui agli individui viene chiesto di considerare e valutare fattori quali la soddisfazione complessiva, la leadership del CEO, le opportunità di carriera, la compensazione e l’equilibrio vita-lavoro.

In cima alla lista nel 2016 è Airbnb, che è una performance piuttosto stellare, considerando che non solo era la loro prima volta anche fare lista, 2015 è stato l’anno Airbnb ha deciso di farla finita con un dipartimento delle risorse umane. Invece, hanno stabilito ciò che Airbnb ha coniato il gruppo Employee Experience – un team dedicato a creare esattamente ciò che il nome del suo reparto suggerisce – esperienze per i propri dipendenti. La decisione riflette la missione dell’azienda di rivoluzionare i viaggi consentendo agli utenti di soggiornare in case uniche e vivere le città come un locale.

Oggi, le aziende lungimiranti sono consapevoli del fatto che i migliori talenti cercano qualcosa di più di un semplice lavoro stabile con un regime pensionistico. Airbnb ha accettato la sfida di costruire un posto di lavoro come un’esperienza, completa di accesso alle strutture della palestra, cibo gourmet e, naturalmente, opportunità di viaggio a pagamento, fino a quattro volte l’anno, per i dipendenti di vivere l’esperienza Airbnb in prima persona.

In definitiva, l’essenza del “posto di lavoro come esperienza” è dove tutti gli elementi del lavoro, sia esso fisico, emotivo, intellettuale, virtuale e aspirazionale, sono accuratamente orchestrati per ispirare i dipendenti.

Lezione da Airbnb: Il termine ‘perks’ è diventato un enorme parola d’ordine sul posto di lavoro di ritardo che è facile perdere di vista sul motivo per cui i vantaggi contano in primo luogo: aiutano a mantenere i dipendenti impegnati e motivati.

Facebook

Industria: Social network
fatturato Annuo nel 2016: $27.64 Miliardi
Numero di dipendenti: 10.000 e

Facebook ha sempre mantenuto la sua top 5 stato di Glassdoor, dal 2011, oltre ad una volta, quando è scivolato al 13 ° posto nel nel 2015, mostrando che Facebook è morto sul serio il benessere dei propri dipendenti.

Molto è stato scritto sulle tecniche di gestione peculiari del CEO Mark Zuckerberg, incluse le spade e il dumping dell’acqua, ma il giovane CEO si è evoluto per essere uno dei CEO più quotati su Glassdoor insieme a leader come Tim Cook di Apple e Larry Page di Google.

Un dipendente di Facebook ha scritto sul sito web Quora, “Dopo essermi iscritto a Facebook nel 2010, ho lavorato a un progetto segreto, ‘graph search.”Nel giro di un paio di mesi, ho partecipato a due recensioni di Zuck per discutere del progetto.”Il fatto che il CEO di una delle aziende più dinamiche e in più rapida crescita al mondo stia incontrando dipendenti entry-level dice molto sul modo in cui Zuckerberg fa affari. Piuttosto che sbozzare le persone in ruoli basati sull’età e l’esperienza, le idee di tutti sono valutati.

Lori Goler, che guida le risorse umane e il reclutamento di Facebook, ha anche rivelato in un articolo di Harvard Business Review che la fluidità della gerarchia ha portato ad alcuni dei momenti più iconici di Facebook; il “filtro arcobaleno” che tanti in tutto il mondo hanno sovrapposto le loro foto del profilo Facebook è stato in realtà il frutto di due stagisti. “Non era stato chiesto o assegnato a crearlo, né le pagine del profilo erano al centro del loro rispettivo lavoro”, ha scritto. “Ma hanno visto un’opportunità e sono corsi con essa.”

Poi ci sono i vantaggi più morbidi. Nell’ufficio di Singapore, Facebook fornisce un semplice ma raro fiocco: ‘microkitchens’ rifornito di cibo gratuito e una fornitura costante di caffè Nespresso per mantenere grandi idee fluenti. Le macchine professionali Nespresso insieme alle capsule Grand Cru sono progettate per offrire una varietà di caffè premium in pochi secondi, ideali per uffici come Facebook che soddisfano i gusti individuali dei propri dipendenti.

L’argomento della caffeina è sostenuto dalla scienza. I ricercatori della London School of Hygiene and Tropical Medicine hanno scoperto che la caffeina aiuta a migliorare la memoria e la concentrazione dei lavoratori e a ridurre il numero di errori commessi. Inoltre, investire in caffè di qualità può svolgere un ruolo fondamentale per aiutare i dipendenti a sentirsi apprezzati, aumentare il morale e guidare le prestazioni.

Lezione da Facebook: Abbracciare la fluidità delle gerarchie. Non si tratta di come anziano il vostro ruolo è o quanto tempo siete stati con la società. Facebook dimostra che stagisti e nuovi dipendenti possono avviare il cambiamento finché hanno iniziativa e buon senso.

Amazon

Industria: Vendita al dettaglio online
Fatturato annuo nel 2016 :Billion 61,09 miliardi
Numero di dipendenti: 97,000

Il gigante del retail digitale può apparire simile ad alcuni dei suoi coetanei tecnologici, con i suoi uffici pet-friendly, il mercato degli agricoltori in loco e poster ottimistici, ma l’azienda è considerata un posto a parte. Google è stato segnalato per motivare i dipendenti con palestre, pasti gratuiti e dispense in contanti per i nuovi genitori, ma Amazon non offre alcuna pretesa che incoraggiano i loro lavoratori ad abbracciare la ‘frugalità’ – dai suoi set-up di scrivania a telefono cellulare conservatore e indennità di viaggio.

La sua risorsa principale non sono i suoi dipendenti; sono i dati. Il gigante dell’e-commerce è stato uno dei primi ad adottare la quantificazione dei livelli di prestazioni del proprio personale. Il risultato è la misurazione continua delle prestazioni individuali, incoraggiando un rapporto di andata e ritorno tra datori di lavoro e dipendenti. Amazon è all’avanguardia di dove la tecnologia vuole prendere l’ufficio moderno: più agile e produttivo, ma anche più duro e meno indulgente.

I dipartimenti sono infusi di trasparenza e precisione su chi eccelle e chi è sottoperformante. I dipendenti ideali sono spesso descritti come “atleti” con resistenza, velocità, prestazioni che possono essere misurate.

Di tutte le nozioni di gestione del CEO Jeff Bezos, forse la più distintiva è la sua convinzione che l’armonia in un posto di lavoro sia sopravvalutata e che possa soffocare un feedback costruttivo. Invece, i dipendenti o gli amazoniani come si definiscono, sono istruiti a “non essere d’accordo e impegnarsi” – a strappare le idee dei colleghi, con strati di feedback schietti, prima di arrivare a una decisione.

Il risultato sono stati i principi di leadership, gli articoli di fede che descrivono il modo in cui gli amazzoni dovrebbero agire. A differenza delle aziende in cui le dichiarazioni sulla loro filosofia equivalgono a banalità vaghe, Amazon ha regole che fanno parte del suo linguaggio quotidiano e dei suoi rituali, adottate praticamente in tutti i processi aziendali, tra cui assunzioni, riunioni di reparto e conversazioni all’ora di pranzo.

Lezione da Amazon: Osare creare un ambiente di prestazioni eccezionali in cui le risposte “Non lo so” o “Ti risponderò” non sono tollerate. Può sembrare spietato, ma l’incapacità del management di sopportare qualcosa di diverso dalla perfezione ha i suoi dipendenti che hanno prosperato su Amazon proprio perché li ha spinti oltre quelli che pensavano fossero i loro “limiti”.

Come esemplificato da questi giganti della Silicon Valley, lo scopo di ogni organizzazione può differire notevolmente, ma ciò che condividono sono leader che vivono e respirano uno scopo e progettano le loro organizzazioni per eseguire con quello scopo al suo centro. Quindi, qual è lo scopo della tua azienda?