X

Privacy & Cookie

Questo sito utilizza cookie. Continuando, accetti il loro utilizzo. Ulteriori informazioni, tra cui come controllare i cookie.

Capito!

Pubblicità

Ora – prima di saltare alla mia difesa contro me stesso, si deve sapere che so che questa è una bugia. Sono volutamente provocatorio. Nei giorni buoni, mi vedo incredibilmente produttivo e vale molto. Ma ci sono giorni in cui sento i valori capitalisti battere contro di me un po ‘ più forte di altri.

Il capitalismo dice che il modo per me di essere un membro produttivo della società è quello di fare un sacco di soldi, un sacco di capitale – che dovrei poi spendere. Oppure, se non creo capitale, dovrei essere produttivo fornendo il mio lavoro a qualcuno che sta facendo qualche generazione di capitale. Non faccio nulla di tutto questo e sono quindi un membro improduttivo della società. Quando la produttività significa denaro, che di solito fa, io sono molto chiaramente non produttivo.

Ma – ci sono quelli che definiscono la produttività nel senso di produrre roba. In questo senso, sono in una fase molto produttiva della vita. Forse non sto contribuendo capitale, ma ho, questo ultimo anno o giù di lì, messo fuori nel mondo cinque album vale la pena di musica, diverse opere teatrali, due podcast, un romanzo e una moltitudine di post sul blog. Per puro volume di creazione e produzione, sono uno dei membri più produttivi della società che conosco. Ma nessuna di quelle cose mi fa guadagnare uno stipendio o fa un profitto. Quindi non valgo niente.

Se misuri il denaro e non le idee, sono inutile. Questo è il motivo per cui non misuro con i soldi. Ho zero patrimonio netto. Secondo i tuoi soliti standard americani, non sono un membro prezioso della società. Né è qualsiasi altro artista in difficoltà.

Ma spero che ti rendi conto di quanto sia ridicolo. Apprezziamo un’opera d’arte solo quando fa soldi per qualcuno? Ci sono alcuni per i quali questo è vero. Mi capita di pensare che l’arte valga qualcosa di separato da quanti soldi può portare. Se sei arrivato fin qui con me, immagino che lo pensi anche tu.

Non è solo l’arte che vale più del denaro. Allevare i propri figli potrebbe farti ottenere un credito d’imposta, ma non sono soldi in banca. Al fine di ottenere quel credito d’imposta, devi fare qualche soldo altrove. La moltitudine di posti di lavoro di custodia che sono non pagati o sottopagati sono schiaccianti. Possiamo chiamare improduttivo qualcuno che si prende cura del proprio familiare malato o anziano? Inutile? Quando valutiamo “produttività” e “patrimonio netto” sopra ogni altra cosa, questo è quello che facciamo.

Poi, anche quando estendiamo questa idea alla sua naturale conclusione nella direzione opposta, stiamo guardando molte molte persone “produttive” che sono in realtà piuttosto distruttive per la società, la cultura e/o il pianeta. I ragazzi che vendono mutui sub prime erano estremamente produttivi se definiamo la produttività finanziariamente. Hanno fatto COSÌ TANTI soldi. E hanno distrutto, non solo la vita di molte persone, ma anche l’economia mondiale, che ha portato a distruggere la vita di ancora più persone. Qualcuno felicemente a casa che si prende cura dei propri figli non sembra così male ora, vero?

Non sto cercando di abbattere il capitalismo. (Non potrei se ci provassi.) Ma ho inventato questo titolo (e quindi tutto questo pezzo) in un giorno in cui provavo un senso di vergogna per la mia vita e per come ho scelto di viverla. In un giorno migliore, riconosco che carico di coccio è che definiamo la produttività e il valore finanziario. Mi piacerebbe vedere un modo per abbracciare alcune delle altre misure di produttività in fase di sviluppo. Se avessimo un reddito di base universale, per esempio, e non fossimo così preoccupati di trovare i soldi per l’essenziale, potremmo scoprire un mondo di possibilità per le cose create al di fuori del regno delle richieste finanziarie. Le scoperte scientifiche potrebbero espandersi enormemente se non fossero legate alla necessità di fare soldi per le aziende che le finanziano.

In altre parole, se ci preoccupassimo meno di essere membri finanziariamente produttivi della società, potremmo essere in grado di essere effettivamente più produttivi. Potremmo fare altre cose. Scopri le cose. Creare cose. Contribuire amore e servizio. Fare un emozionante, artistico, scientifico, emozionante mondo pieno di arte e amore. Non solo soldi.

Ho visto molti artisti torcersi in nodi cercando di dimostrare le forme di produttività più socialmente accettabili mentre la loro produttività artistica langue. Non sto parlando del lavoro quotidiano che facciamo per sopravvivere. Sto parlando di un lavoro impegnativo. Sto parlando di sentirmi come se dovessi scrivere e-mail invece di scrivere una canzone. Sto parlando di sentirsi come sarò una persona migliore se faccio solo più compiti che potrebbero, un giorno, riguardare il denaro o un lavoro.

Per la mia pratica creativa, ho visto che meno mi preoccupo della mia produttività in senso capitalista, più produttivo posso essere produttivo. In altre parole, quando posso scherzare sul fatto di non essere un membro produttivo della società e di non avere alcun valore, quando posso abbracciare una sorta di posizione anti-produttività e iniziare a scalare il mio valore in modo diverso, se solo nella mia mente, trovo che posso effettivamente accedere alla creatività in un modo più pieno, più con tutto il cuore, che genera molti bambini creativi che altrimenti non sarebbero nati. Questo è il tipo di produttività che apprezzo davvero. Questo vale molto per me.

Questo blog è anche un podcast. Si può trovare su iTunes o ovunque si ottiene il vostro podcast.

Se vuoi ascoltarmi leggere un precedente su Anchor, clicca qui.

screen-shot-2017-01-10-at-1-33-28-am

Ogni podcast presenta una canzone alla fine. Alcune di queste canzoni sono ora un album di Canzoni di Resistenza, un album di canzoni d’amore, un album di canzoni Gen X e altro ancora. Puoi trovarli su Spotify, il mio sito web, ReverbNation, Deezer e iTunes

*

Vuoi contribuire ad aumentare il mio valore?

Diventa il mio patrono su Patreon.

Clicca QUI per controllare la mia pagina Patreon

*

Scrivere su internet è un po ‘ come andare in autobus per strada. Questa è la parte in cui passo il cappello. Se ti è piaciuto il blog (ma non sei nell’impegno di Patreon) e vorresti dare un dollaro (o più!) mettilo nel cappello digitale PayPal. https://www.paypal.me/strugglingartist