Questa funzione pubblicitaria è stata commissionata, modificata e prodotta da Science / AAAS Custom Publishing Office

Riconfigurare una vita professionale e personale richiede una seria pianificazione. Qui ci sono cinque indicazioni da professori con recente esperienza sabbatica.

La vita universitaria può essere un grind di insegnamento, concessione di scrittura, e dipartimento di politica. Ma ogni sette anni, i membri della facoltà ottengono un’opportunità magica che è ambita dai non accademici: congedo sabbatico. In questo periodo di sviluppo della carriera, un professore potrebbe imparare nuove tecniche, espandere un programma di ricerca, o finire quel libro o mucchio di manoscritti languenti. Il sogno inizia con una meticolosa pianificazione avanzata, ma finisce meglio per coloro che sono adattabili e di mentalità aperta. Qui ci sono cinque indicazioni da professori con recente esperienza sabbatica.

Guadagnerai nove o 10 mesi molto produttivi e ne varrà la pena.

Vai per esso

Un congedo sabbatico può significare interrompere la tua ricerca, essere pagato meno e interrompere la vita familiare. Ma chiedere professori se il loro anno sabbatico è valsa la pena e rispondono con una sola voce: sì. Vai fino in fondo, dicono. Prenditi un anno intero e vai in una nuova città o paese, se puoi.

Robert Austin

CREDITO: Maria’s Portrait Studio (Fredericton, NB Canada)

Perché? Nuovi ambienti, nuove prospettive e routine sconosciute aumentano la tua creatività. Robert Austin offre prove personali ed empiriche. In 10 anni ha ricoperto posizioni di facoltà presso Harvard e Copenhagen Business Schools, ed è ora decano di business administration presso l’Università del New Brunswick, Canada. Dice: “Essere fuori dal tuo ambiente ordinario ti fa stabilire nuove relazioni e collaborazioni e ti permette di presentare le tue idee in un contesto diverso.”Le persone in altri paesi o anche in altri istituti vedono il tuo lavoro da una prospettiva diversa, informata dai modelli e dalle culture prevalenti della loro regione, dice. “Ti danno reazioni e feedback diversi dai tuoi colleghi a casa.”La ricerca di Austin mostra che idee innovative possono svilupparsi quando eventi imprevisti-incidenti-accadono a persone con l’esperienza di riconoscere potenziali innovazioni. Essere in una nuova situazione invita questi eventi fortuiti.

Allontanati (almeno mentalmente)

Un anno sabbatico può essere rivitalizzante. Uno studio del 2010 (www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20718526) hanno confrontato i docenti delle università 10 in Israele, Nuova Zelanda e Stati Uniti che hanno preso e non hanno preso un congedo sabbatico. Le persone che avevano un anno sabbatico avevano punteggi migliori auto-segnalati per la soddisfazione della vita, lo stress e altre misure di benessere rispetto a quelli che non lo facevano. Il segreto per ottenere benefici era il distacco: sfuggire alla solita routine e essere lasciati soli dall’istituzione di origine.

Paolo Spector

“Il trucco per un anno sabbatico è allontanarsi da cose che trovi stressanti”, dice Paul Spector, professore di psicologia organizzativa presso l’Università del Sud della Florida e autore dello studio. “Non fare lo stesso lavoro da qualche altra parte.”All’Università del New Brunswick, Austin consiglia ai suoi docenti di lasciare il campus per i loro sabbatici,” anche se lo dico a un certo rischio come preside, perché potrebbero non tornare.”

Le persone con figli e coniugi che lavorano potrebbero trovare questo consiglio poco pratico, ma l’intera famiglia di Glenn Starkman è arrivata durante il suo anno sabbatico. È professore di fisica e astronomia alla Case Western Reserve University, attualmente lavora al CERN in Svizzera, sito del Large Hadron Collider. La famiglia sapeva della vita all’estero dagli anni precedenti a Oxford e al CERN, e Starkman ha detto di aver pensato attentamente a come ottenere il massimo dalla loro opportunità. Sua moglie, Debby Rosenthal, è un professore di letteratura che ha pianificato un anno sabbatico allo stesso tempo. Hanno attirato i loro figli adolescenti con promesse del miglior formaggio e cioccolato del mondo, e la possibilità di sperimentare una cultura e una lingua diversa, ma frequentare la scuola in inglese. Fortunatamente, il CERN contribuisce alle lezioni in una scuola internazionale, che Starkman dice ” porta il costo a solo costoso.”Pianificare un anno sabbatico all’estero richiede tempo. Soprattutto se si sta prendendo la vostra famiglia, dice Starkman, si aspettano due mesi di transizione piuttosto improduttivi. La ricompensa? “Guadagnerai nove o 10 mesi molto produttivi, e ne varrà la pena.”

Paul Spector ha preso il suo consiglio di allontanarsi quando ha preso un anno sabbatico senza lasciare la città. “Avevo un bambino piccolo, quindi sono rimasto a casa per otto mesi e ho lavorato. Non sono andato in ufficio, ho detto ai miei colleghi che sarei stato via, e mi hanno lasciato da solo.”Spector ha detto ai suoi studenti laureati in anticipo di non programmare la loro difesa durante il suo anno sabbatico. Ha usato il suo tempo per lo sviluppo professionale che aveva rimandato. “Ho passato una settimana a conoscere la regressione logistica”, dice, ” perché era qualcosa che volevo imparare ma non avevo mai avuto tempo prima. Ho avuto un grande otto mesi e sono tornato
ricaricato.”

Inizia a pianificare, ora

Riconfigurare una vita professionale e personale richiede una pianificazione seria. Sabbaticalhomes.com può aiutare con il trasferimento. Incontra il dipartimento delle risorse umane della tua università per scoprire come un congedo influenzerà stipendi, tasse e benefici, consiglia un blog al Chronicle of Higher Education (chronicle.com/blogs/profhacker/author/nhighberg). Dal momento che molte università riducono lo stipendio durante i sabbatici, cercare opportunità di finanziamento, ma iniziare presto. Le domande di sovvenzioni governative e di fondazione come Fulbright o Guggenheim fellowships sono dovute più di un anno prima dell’inizio del finanziamento. Infine, dì alla tua istituzione quali altre risorse ti servono. Le università si rendono conto che i sabbatici promuovono il reclutamento e la ritenzione, quindi vogliono aiutare.

Il Dipartimento di Medicina dell’Università della Carolina del Nord (UNC) ha dato a Michael Pignone, capo della medicina interna generale, un assistente medico per sostenere la sua visita di sei mesi all’Università di Sydney, in Australia nel 2010. Dopo aver lavorato a fianco di Pignone per diversi mesi, l’assistente gestiva i pazienti di cura primaria di Pignone mentre era via. Il progetto sabbatico di Pignone faceva parte di una sovvenzione quinquennale del National Institutes of Health (NIH) ed è stato anche finanziato da una borsa di studio sulla politica sanitaria australiana-americana. Pignone dice che le domande formali lo hanno fatto iniziare a pensare al suo anno sabbatico circa tre anni di anticipo. “Mi hanno costretto a pianificare in anticipo, e sono contento di averlo fatto”, dice. Ha organizzato le sue responsabilità amministrative e di mentoring per evitare decisioni importanti, sovvenzioni o attività mentre era lontano.

I figli di Pignone in età scolare e sua moglie Lisa Fail, che potevano lavorare a distanza, andarono e si divertirono. Dice che andare in un paese di lingua inglese e tornare a giugno, mentre iniziavano le vacanze estive, ha reso la transizione più facile per la sua famiglia. Se stai facendo lo sforzo di andare in un altro paese, prendere in considerazione un anno intero, lui dice, perché “onestamente, sei mesi sono passati abbastanza veloce.”

I professori delle piccole università possono anche ottenere il supporto NIH attraverso il programma Academic Research Enhancement Award (AREA, o R15), che supporta la ricerca sulle scienze biomediche e comportamentali presso istituzioni educative che non hanno grandi sovvenzioni NIH. Il finanziamento della National Science Foundation è un’altra opzione. Rebecca Whelan, un professore associato di chimica / biochimica recentemente assunto presso l’Oberlin College in Ohio, che ha 3.000 studenti universitari, ha ricevuto una borsa di studio R15 per il suo anno sabbatico. Whelan sta sviluppando nuovi test sul cancro basati su molecole di DNA sintetico che si legano a un bersaglio specifico. Per sviluppare i test, aveva bisogno di due risorse non disponibili a Oberlin: specifiche linee cellulari di cancro ovarico e un citometro a flusso per testare il legame alle cellule. “La citometria a flusso è il tipo di tecnologia che richiede una struttura centrale”, afferma Whelan. “Non è qualcosa che abbiamo a Oberlin.”

Una pianificazione dettagliata e avanzata ha guidato il successo dell’anno sabbatico di Whelan. Ha dovuto sviluppare la sua idea, allineare un laboratorio ospitante e presentare una proposta di sovvenzione in tempo per ricevere finanziamenti durante il congedo programmato. Il suo consiglio: “Inizia a pensare strategicamente con due o tre anni di anticipo per ottenere finanziamenti e stabilire una relazione con il laboratorio dove trascorrerai il tuo anno sabbatico.”

Per trovare un laboratorio ospite, Whelan ha chiamato a freddo (o meglio, ha inviato via e-mail) un ricercatore che ha citato spesso nelle sue pubblicazioni ma che non aveva incontrato. Manish Patankar, professore associato di ostetricia e ginecologia presso l’Università del Wisconsin-Madison ha detto che la proposta sabbatica di Whelan ha attirato la sua attenzione perché era chiara, completa e nell’ambito del suo programma di ricerca principale, ma con un’angolazione diversa e un nuovo approccio. Fu l’inizio di una proficua collaborazione. Tornato nel suo laboratorio di Oberlin, Whelan ha studenti entusiasti che avanzano il progetto e continua a lavorare con Patankar. “Stiamo scrivendo un manoscritto con uno o due in cantiere”, dice, “e stiamo lavorando per portare gli studenti di Oberlin all’Università del Wisconsin per un’estate.”Patankar esorta i professori delle grandi università a prendere in considerazione le richieste sabbatiche di ricercatori motivati di piccoli college. Dice: “Un posto come Oberlin è piccolo solo in termini di popolazione studentesca. Hanno alcune risorse e ricerche davvero belle.”

Sia Whelan che Pignone ribadiscono l’importanza di allontanarsi. “La maggior parte di noi è coscienziosa e vuole partecipare al nostro dipartimento, quindi saremo sempre tirati indietro”, dice Whelan. Ma raccomanda di proteggere il tuo tempo e di impostare una soglia alta per partecipare alle riunioni. “Ho fatto una conferenza telefonica per un caso di permanenza nel nostro dipartimento, ma ho lasciato passare tutte le altre cose”, dice. “Non devi scappare fisicamente, ma devi scappare mentalmente.”Se pensi di poter essere persuaso a tornare al tuo istituto di origine, rendi difficile tornare indietro. Pignone ha detto di essere in Australia, quasi un giorno intero di viaggio da North Carolina, è stato un vantaggio. Volare indietro era semplicemente impraticabile.

Michal Feldman

Se ti trovi nell’Unione Europea o in un paese associato o stai organizzando un anno sabbatico lì, le azioni Marie Curie offrono una varietà di opportunità di borse di studio. Sebbene sia conosciuta come un’ottima fonte di finanziamento post-dottorato, le borse di studio possono anche supportare ricercatori affermati come scienziati in visita. Michal Feldman, professore associato presso l’Università ebraica di Gerusalemme, è in visita alla Harvard School of Engineering and Applied Sciences su una borsa di studio Curie. Lei offre questo consiglio: La domanda per la sua borsa di studio internazionale in uscita era complessa, lei dice, così pianificare in anticipo. Avrai bisogno di dettagli sul tuo piano di ricerca, sul tuo accordo di collaborazione e sulle strutture dell’istituto che visiterai. Inoltre, devi descrivere gli obiettivi più grandi della tua compagnia e come intendi raggiungerli. L’applicazione richiede una descrizione completa dei risultati di ricerca e mentoring del tuo collaboratore, quindi Feldman dice: “lavora con qualcuno che è ben rispettato nel campo
.”

Aspettatevi l’inaspettato

Dall’altra parte del loro anno sabbatico, i professori dicono che sebbene alcune persone realizzino tutto ciò che propongono—sviluppando metodi, pubblicando manoscritti e scrivendo libri—molti trovano che il loro piano semplicemente non è fattibile. Siate flessibili ed essere pronti a cambiare il progetto, se necessario, o meglio ancora, se qualcosa di più interessante arriva. Robert Austin dell’Università del New Brunswick dice: “È estremamente improbabile che il tuo progetto sabbatico proceda esattamente come previsto, ma sii di mentalità aperta e vedrai opportunità di collaborazioni e altre fonti di valore che non hai visto andare nel tuo anno sabbatico.”

Anche Whelan, il cui progetto è andato come previsto, ha avuto inaspettati benefici scientifici lavorando in una nuova istituzione. Dopo che un collega ha menzionato le apparecchiature di sequenziamento ad alto rendimento dell’università, ha utilizzato le strutture per migliorare la sua ricerca caratterizzando le molecole di DNA di maggior successo dal suo schermo. Alcuni professori consigliano di costruire flessibilità in un piano di ricerca fin dall’inizio. Proporre un progetto pratico che si sa che si può realizzare, per garantire che si ottiene qualcosa di fatto, ma anche lavorare su qualcosa di rischioso—questo è il punto di un anno sabbatico.

Non riesci a farlo? Lascia che vengano da te

Se semplicemente non riesci a scappare, considera di ospitare un professore sabbatico. Manish Patankar, ospite di Whelan all’Università del Wisconsin-Madison, non ha preso un anno sabbatico quando ha guadagnato il mandato alcuni anni fa, ma dice che il suo programma di ricerca ha beneficiato quando un anno sabbatico è venuto da lui sotto forma di visita di Whelan. “Ha portato abilità e tecniche che non avevamo in laboratorio”, dice. Il background di chimica analitica di Whelan è tornato inaspettatamente utile quando ha eseguito analisi di gascromatografia su composti antitumorali che il Patankar lab sta esplorando. Dice Patankar, ” Non si sa mai dove andranno le cose.”

Gli effetti positivi di uno scienziato in visita possono ripple oltre il vostro gruppo di ricerca. Lyndal Trevena, professore associato presso la Sydney school of public health, Università di Sydney, ha ospitato Pignone sul suo congedo sabbatico da UNC, e dice che il suo lavoro ha avuto un impatto nazionale. Pignone ei suoi colleghi di Sydney hanno fatto uno studio di costo-efficacia sullo screening del cancro del colon-retto in Australia. Trevena dice che essere in periodo sabbatico, senza compiti di insegnamento e amministrativi, significava Pignone potrebbe concentrarsi intensamente sul progetto, tra cui un viaggio alla capitale di Canberra per parlare con le persone nel governo. Essere un esperto esterno ha anche dato un peso extra alla sua prospettiva. Tutto questo ha sollevato il profilo del loro lavoro, dice Trevena. “Lo studio è stato davvero influente per far avanzare un programma per lo screening del cancro del colon-retto in Australia”, dice.

Uno dei coautori dello studio era il professor Kirsten Howard. Prima che Pignone arrivasse nel suo reparto, sapeva del suo lavoro, ma non lo aveva mai incontrato. Howard e Pignone hanno scoperto rapidamente interessi comuni nel processo decisionale condiviso, studiando come pazienti e medici possono prendere decisioni di assistenza sanitaria informate in modo cooperativo. Ora costituiscono un team collaborativo forte, con Pignone contribuendo esperienza clinica e Howard sviluppare i metodi di economia della salute per due progetti finanziati da sovvenzioni hanno fatto domanda per mentre Pignone era in Australia. Il dipartimento di Howard ha sostenuto il suo anno sabbatico l’anno successivo a UNC. Per incoraggiare il tipo di interazioni informali che possono svilupparsi in nuove partnership scientifiche, Howard suggerisce di integrare gli scienziati in visita il più possibile nel dipartimento. Dice: “Partecipare a seminari, presentazioni di ricerca e colloqui con gli studenti crea incontri casuali e conversazioni che possono portare a collaborazioni spin-off e nuove direzioni di ricerca.”

Trevena consiglia di ospitare un professore sabbatico il cui lavoro si adatta bene al tuo programma di ricerca. Quindi, sfruttare al meglio ogni minuto. La visita passa rapidamente, lei dice, in modo da spremere quanto più tempo possibile con il visitatore nel vostro programma già occupato. Dice: “Vedrai che puoi davvero fare un lavoro carnoso e produttivo in quel momento e cementare una collaborazione.”