Un’offerta di qualificazione è un’offerta di contratto permanente di un anno che una squadra NBA può estendere a un giocatore idoneo nel suo roster al fine di garantire che il giocatore sarà un agente libero limitato.

Quando può essere estesa un’offerta qualificante?

Le squadre possono estendere le offerte di qualificazione tra la conclusione delle Finali NBA e l’ultimo giorno ufficiale di quella campagna NBA (in genere il 30 giugno).

Cosa succede se un’offerta valida viene estesa?

Se una squadra estende un’offerta durante questa finestra, il giocatore diventerà un free agent limitato all’inizio della prossima stagione. Se non estendono tale offerta, il giocatore diventa un agente libero senza restrizioni invece.

Cosa succede se un giocatore firma l’offerta qualificante?

Se un giocatore sceglie di firmare l’offerta di qualificazione estesa, l’accordo di un anno diventa un contratto NBA standard e il giocatore colpisce nuovamente free agency la stagione successiva. I giocatori che firmano offerte di qualificazione non possono essere scambiati senza il loro consenso a causa di altre regole del CBA relative ai contratti di un anno.

Perché i team vorrebbero estendere un’offerta di qualificazione?

L’incentivo per le squadre di estendere le offerte di qualificazione è quello di ottenere il diritto di primo rifiuto sui loro agenti liberi in sospeso, un vantaggio inerente con restricted free agency. Con questo diritto di primo rifiuto, le squadre hanno la possibilità di abbinare qualsiasi offerta che il free agent può attirare da un team di terze parti sul mercato aperto, mantenendole così.

Quali giocatori possono ricevere offerte di qualificazione?

Le squadre possono estendere le offerte di qualificazione solo ai giocatori che hanno diritto a un’agenzia gratuita con restrizioni. I giocatori sono ammissibili solo per restricted free agency se:

  • sono appena usciti dal quarto anno del loro contratto da rookie
  • sono stati in campionato per tre o meno stagioni (escluse le scelte del primo turno che diventano free agent presto perché hanno rifiutato le loro opzioni di squadra in scala rookie)
  • hanno appena concluso un accordo a due vie e hanno trascorso più di 15 giorni con il club NBA.
Quanto valgono le offerte qualificanti?

Lo stipendio associato alle offerte di qualificazione si basa su una serie predeterminata di criteri che coinvolgono la posizione di draft del giocatore in evidenza, i loro anni di esperienza in campionato e quanto hanno giocato.

L’offerta di qualificazione per i giocatori che diventano ammissibili per restricted free agency con tre o meno anni di esperienza, in genere scelte di secondo turno e free agent undrafted, è il 125% del loro contratto precedente o il minimo della lega più $200.000, a seconda di quale è maggiore.

L’offerta di qualificazione per i giocatori che escono dal quarto anno delle loro offerte rookie dipende dalla loro posizione di draft. Come indicato nell’allegato B-3 del contratto collettivo, i giocatori redatti per primi si qualificano per un aumento del 30% rispetto al quarto anno del loro contratto da rookie. I giocatori redatti 30th overall si qualificano per un aumento del 50% nel quarto anno del loro affare rookie.

Questi valori sono ulteriormente modificati dai criteri di avviamento della NBA, come delineato nell’articolo XI della CBA. In sostanza, se un giocatore ha giocato più di 2.000 minuti o ha iniziato 41 partite nella campagna più recente (o ha calcolato tali importi nelle due stagioni precedenti), soddisfa i criteri di partenza.

  • I giocatori arruolati tra le scelte 1 e 14 che non soddisfano i criteri di partenza si qualificano automaticamente per lo stesso importo per cui si qualificherebbe la 15a scelta nella loro classe di draft.
  • I giocatori scelti tra le scelte 10 e 30 che soddisfano i criteri di partenza si qualificano automaticamente per lo stesso importo per cui si qualificherebbe la nona scelta nella loro classe di draft.
  • I giocatori Undrafted o quelli redatti nel secondo turno che soddisfano i criteri di partenza si qualificano automaticamente per lo stesso importo della 21a scelta in una classe draft molto specifica. In questo scenario, il giocatore sarebbe trattato come un membro della classe draft le cui offerte di rookie di quattro anni finiscono contemporaneamente al giocatore in questione. Dal momento che le scelte del secondo turno e i giocatori undrafted non firmano sempre offerte quadriennali, questa classe draft non è necessariamente la propria.
In che modo le offerte di qualificazione influenzano lo spazio del team cap?

Le squadre devono decidere se estendere o meno un’offerta di qualificazione prima che inizi formalmente l’inizio di free agency, quindi il valore dell’offerta di qualificazione non si trova mai sui loro libri finché un giocatore non lo firma. Invece, se un’offerta viene estesa e quel giocatore diventa ufficialmente un free agent limitato,la squadra deve affrontare un limite standard di free agent.