Dopo la pausa del progetto Oasis a maggio, American Airlines ha annunciato che sta riavviando il suo programma di modifica degli aerei. Il vettore statunitense prevedeva di armonizzare i posti a sedere nella sua flotta di 304 Boeing 737-800 e la maggior parte dei suoi 219 aerei Airbus A321-200.

L’obiettivo era quello di rendere la disposizione dei posti a sedere su tutti gli aeromobili uguali, in modo che la compagnia aerea potesse sostituire like for like durante qualsiasi problema operativo.

American ha interrotto il retrofit in seguito ai due crash del 737 MAX

Questo, ovviamente, era prima della messa a terra del 737 MAX a marzo in seguito ai due incidenti mortali di Lion Air e Ethiopian Airlines.

Lion Air 737 MAX
Il retrofit è stato interrotto dopo i due crash del 737 MAX. Foto: PK-REN Wikimedia Commons

Dopo i due incidenti, le autorità aeronautiche di tutto il mondo a terra il 737 MAX che ha lasciato American Airlines breve 24 aerei con l’estate si avvicina rapidamente.

In una mossa prevedibile, la compagnia aerea con sede a Dallas ha fermato il retrofitting dei sedili preferendo avere l’aereo in servizio piuttosto che nell’hangar in fase di allestimento.

Sito web di aviazione una vista dall’ala inoltre sostiene che i fit-outs non stavano andando bene come previsto dai servizi tecnici di aviazione e non all’altezza delle linee aeree americane standard prevedute.

Il progetto Oasis è ora tornato su

Ora che l’estate è ufficialmente finita e i bambini tornano a scuola, American Airlines sta ancora una volta prendendo la maggior parte della sua flotta nazionale e dando loro lo stesso tipo di interni che si troverebbero nei loro aerei 737 MAX.

Prima della fusione con US Airways, la flotta americana di 737-800 aveva 150 posti che poi aumentarono a 160. Ora sotto il progetto Oasis, avranno 172 posti a sedere.

American Airlines project oasis
American 737-800s avrà ora 172 posti a sedere. Foto: AA

Da dove viene quello spazio extra? Sì, è vero, hai indovinato: spazio per le gambe. Il modo in cui l’americano prevede di spremere i posti extra riducendo lo spazio dei passeggeri.

Il modo in cui American ha raggiunto questo obiettivo è rimuovendo la parete della paratia tra first class ed economy, riducendo le dimensioni dei servizi igienici e optando per sedili rigidi e sottili. Non è qualcosa che la maggior parte delle compagnie aeree prenderebbe in considerazione, ma eliminando l’imbottitura sui sedili si guadagna più spazio.

American Airlines sta anche rimuovendo tutti gli schermi di intrattenimento per lo schienale e sostituendoli con supporti per dispositivi portatili personali come tablet e telefoni.

American ha un bel modo di dire che vogliamo spremere in più posti

Una vista dall’ala attribuisce American Airlines con dicendo:

“Attualmente abbiamo un 737 e un A321 per la modifica originale. Il secondo round di mod, con le modifiche alla Prima classe in base al feedback dei clienti che abbiamo delineato il mese scorso, non inizierà fino all’inizio del prossimo anno.

” Stiamo riavviando le modifiche originali per installare più rapidamente gli articoli come i più grandi contenitori sopraelevati ed il potere in-seat ad ogni sedile in più aerei – gli articoli che i nostri clienti ci hanno detto sono più importanti a loro. Questo ci aiuterà anche a standardizzare la flotta, riducendo al minimo le interruzioni dei posti a sedere quando avvengono gli scambi di aeromobili.

” Queste linee di modifica sono state pianificate nel programma, in modo da non stiamo interrompendo il viaggio del cliente rimuovendo gli aerei dal servizio.”

American Airlines 737 MAX
American Airlines dice che è per rendere più agevole le operazioni di Foto:Paolo Lowry via Flickr

Mentre American Airlines messo un bel giro su come si sta per essere meglio per rendere più agevole le operazioni e come sarà meraviglioso con più prese di corrente e grandi scomparti, non riescono a ricordare l’hard rock posti a sedere e la perdita di spazio per le gambe.

C’mon American Airlines non stai ingannando il pubblico con il tuo retrofit, quindi perché non uscire e dire che vogliamo spremere più posti in modo che possiamo fare più soldi.